Inizio, spiegandovi il motivo del mio articolo di oggi.
Volevo scriverne uno completamente differente, ma poi… qualche giorno fa, il mio compagno mi ha detto :” comunque te, SEI MALATA”.
Io malata??? O Madonna, e se lo fossi davvero?
Tranquilli cari miei, analisi del sangue senza neppure un’asterisco, faccio sport, mangio sano (pasqua a parte), sto spesso all’aria aperta, non fumo, bevo solo aperitivi se capitano, canto, ballo e ho un sacco di amici.
Lui parlava di una malattia, che forse forse… studiando un pò ragazzi… Io ce l’ho sul serio.
Spippola spippola sul mio magico i pad, ecco arrivare la spiegazione.
Addirittura della mia malattia, ne parlano anche su Wikipedia…
La chiamano WANDERLUST, la malattia del viaggiatore.
Wanderlust è un forte desiderio o impulso di viaggiare ed esplorare il mondo.
Sono una persona molto introspettiva e permalosa, ma maremma miseria a sto giro, c’ha dato. Mi documento ancora e vengono fuori descrizioni dei miei comportamenti quotidiani.
La Wanderlust… é desiderio di vagabondare.
Quando hai un pensiero irrefrenabile di partire, cerchi situazioni di viaggio e avventura continue, nuove conoscenze, nuovi paesi .
I sintomi ?:
– Necessità viscerale di viaggiare… CE L ‘HO.
– Ossessione per i prezzi dei voli… CE L’HO.
Interdetta ma non affranta, scovo notizie , sorriderete pensando che ci sono stati veri e propri studi sul tema. Credevo fosse uno scherzo, giravano tempo fa on-line…
Tutto vero, parlano di gene, si , dicono sia la modifica del gene DRD4-ZR+, che riguarda il controllo della dopamina, provare cose nuove, la curiosità e l’impulsività.
La dopamina, si pensa sia la causa di tutto questo movimento e voglia di avventura “folle”. Abbiamo un rilascio di dopamina quando siamo in una situazione felice che ci fa sentire bene.    https://it.m.wikipedia.org/wiki/Dopamina
Chi è colpito dalla Wanderlust, ossia i Wanderluster vuole raccogliere i ricordi, non souvenir. É in cerca di avventura, e vuole godersi il rischio che viene con essa. Egli godrà dell’autenticità di ogni luogo che visita e cercherá di adattarsi al meglio, lasciando le proprie abitudini a casa. Siamo camaleonti.
Si preferisce dormire in una tenda nel bosco, o sulla spiaggia, guardare le stelle, piuttosto che in un’albergo da troppi euro a notte del quale ricorderemo solo il portafoglio vuoto.
Questo esploratore, diventa autoctono ovunque vada, gode nell’ incontrare nuove persone e fare nuove amicizie. Lui è divertente ed estroverso, sempre pronto per la prossima avventura, anche dopo una o 3 ore di sonno. Lui vuole cambiare il mondo (il proprio hihihi), e ride dei “problemi” che gli si presentano.
Qualcuno potrebbe pensare che siamo pazzi (siamo perché è provato che come me , il 20% della popolazione ha questa passione), altri crederanno che siamo carismatici, e piacerá come liberamente viviamo la nostra vita, dando priorità di spesa dei nostri guadagni, al mappamondo.

Gli studiosi sostengono persino che chi ne rimane “colpito”, se ne vada in realtà, per scappare, da quello che il quotidiano non gli riesce a dare, insoddisfazione, malessere casalingo. Questo per me, assolutamente non vale. Ogni volta che rientro, è un’emozione, sapete quella sensazione di sentirsi a casa, al sicuro, nelle proprie cose, senza doversi domandare se mi sono scordata qualcosa, o se per sbaglio ho usato l’acqua del rubinetto e non quella della bottiglia per lavarmi i denti.
A casa si sta bene , casa é dove tutto si ferma, mentre fuori il mondo scorre, é un luogo sicuro e caldo.

Ma torniamo a noi e ai benefici a più non posso della mia WANDERLUST…
Eccoli qua:

. Una passione per i viaggi apre la mente e il tuo mondo.
. Ti fa tollerante.
. Una passione per i viaggi ti fa altruista e umanitaria.
. Una passione per il viaggio aiuta a risolvere i problemi.
. Ti fa più rispettoso.
. Una passione per i viaggi ti rende più creativo.
. Una passione per i viaggi migliora l’autostima.
. Aiuta a reinventare se stessi.
. Una passione per il viaggio aiuta a superare paure stupide.
. Vi farà ridere della vita, e ridendo avrete benefici per la salute.
. Una passione per il viaggio vi farà essere naturali.
. Ti fa sentire vivo!
. Una passione per i viaggi affina il tuo istinto.
. Vi regalerà tonnellate di storie da raccontare.
. Capirai il mondo in cui vivi, imparando a riconoscere ciò che è veramente importante.
. É l’unica spesa che ti arricchisce.

E voi? Siete ordinari o un pò folli? Sognatori o viaggiatori incalliti sempre alla ricerca di un nuovo posto dove andare? Facciamo una sorta di test (mi sono sempre piaciuti un sacco da piccola).
Facciamo così, se rispondete di sì o sorridete leggendo almeno a 8o più di questi comportamenti … siete Wanderluster anche voi. Proviamo!

1. Sognate una nuova meta appena rientrati da un viaggio.
2. Dormite il giusto, perché il resto del tempo vi serve per sognare a occhi aperti cercando vacanze.
3. Siete sempre pronti a partire, a patto che sia un posto nuovo.
4. Conoscete l’andamento dei prezzi dei biglietti aerei come quelli che seguono le azioni in borsa.
5. Non potrete mai pensare al luogo in cui vivete come quello dove starete per sempre.
6. Siete alla continua ricerca di itinerari non battuti.
7. La vostra famiglia é l’unica vera cosa che vi manca quando girovagate.
8. Quando camminate guardate molto più spesso sopra il vostro naso che per terra.
9. Fate la collezione sul passaporto dei timbri dei diversi paesi.
10. Spendete i vostri guadagni per scoprire il mondo viaggiando.

Com’é andata? Siete anche voi come me?
Io della mia malattia ne vado fiera, spero non ne trovino mai cura. Mentre ci si muove, si vivono nuove avventure, possono essere disorientanti a volte, ma l’emozione é indescrivibile.
Andare, partire ma anche tornare per capire come siamo, come eravamo e quanto ancora potremmo imparare dando tempo e spazio all’universo di farci da maestro.

Ci si vede mercoledì… vi aspetto!